bergamo
OTTOBRE 2018
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Solidarietà

Bergamo città aperta - diritti e... cittadinanza - manifestazione sabato 28 marzo
LE MISURE DEL PACCHETTO SICUREZZA VIOLANO I PRINCIPI UMANITARI E LA DIGNITÀ STESSA DELLE PERSONE ALIMENTANDO LA SPIRALE DI RAZZISMO E XENOFOBIA CHE ATTANAGLIA LA SOCIETÀ ITALIANA.
LA SICUREZZA È SOCIALE E SI ALIMENTA DI ACCOGLIENZA, SOLIDARIETÀ E CONVIVENZA MULTICULTURALE.
LA SICUREZZA È GARANTITA DA CERTEZZE SOCIALI COME L’ISTRUZIONE, IL LAVORO E LA SALUTE, LA TUTELA DI DIGNITÀ E AFFETTI DELLA PERSONA ED IL PIENO RICONOSCIMENTO DEI DIRITTI CIVILI.
Invitiamo la società civile tutta a partecipare alla manifestazione senza bandiere in qualità di uomini e donne, cittadini e cittadine, migranti e non.
Per info: bergamo28marzo@gmail.com

Scarica il volantino



DISASTRO FERROVIARIO DI VIAREGGIO - LA SEDE DELL'AUSER IN PINETA A DISPOSIZIONE DEGLI SFOLLATI
La nuova sede dell'Auser Filo d'Argento di Viareggio è stata messa a completa disposizione degli sfollati del disastro ferroviario che ha sconvolto Viareggio la notte scorsa. "Tutti i nostri volontari si sono mobilitati già dalla notte- racconta Sandra Mei dell'Auser Viareggino- la nostra sede è grande e confortevole e possiamo garantire pasti caldi e assistenza alle famiglie di sfollati".
"Esprimiamo inoltre solidarietà ai volontari della Croce Verde di Viareggio - ha aggiunto la Mei- che hanno subito gravi danni alla sede ed i mezzi distrutti".



Mery a Coppito
LE FOTO DI AUSER BERGAMO IN ABRUZZO
Da domenica 2 agosto i volontari bergamaschi dell'AUSER (Mery, Plinio, Andrea, Antonio, Vittorio e Antonio) sono in attività a Coppito... presto altre notizie su questo sito web.
CLICCA QUI PER VEDERE TUTTE LE FOTO!!!!



Eco 20-7-2010: I volontari dell’Auser un anno dopo tornano in Abruzzo
A distanza di un anno sono tornati a Coppito (L’Aquila), dove erano stati
nei giorni successivi al terremoto abruzzese. Una delegazione di nove
persone dell’Auser provinciale di Bergamo ha voluto tenere vivo il legame
che, da quei tragici giorni, unisce la località dell’Appennino con la nostra
provincia. Allora, infatti, i volontari dell’Auser si erano impegnati in
prima persona con le popolazioni colpite
dalla calamità naturale. Tra l’altro, avevano contribuito a far partire
il servizio Filo d’argento anche in quelle località. Dal 2 al 9 luglio scorsi
il ritorno in Abruzzo accanto alle persone incontrate un anno fa. I nove
volontari ne hanno approfittato per ritrovare volti conosciuti, ma anche
per portare qualche aiuto concreto alla casa degli anziani di Coppito. Nella foto, parte della delegazione durante il viaggio in Abruzzo.



Raccolta fondi straordinaria per Haiti... prime notizie da Intersos
Comunicato inviato dagli operatori di INTERSOS, presenti ad Haiti. Intersos sta operando nei pressi di Leogane. Ricordiamo che la raccolta fondi straordinaria avviata dall'Auser si attua in collaborazione con Intersos che fa parte della rete italiana Agire (Agenzia Italiana Risposte Emergenza), i fondi raccolti vengono destinati ai bisogni più urgenti: cibo, acqua potabile, medicinali, ripari temporanei, pensando soprattutto ai bisogni dei tantissimi bambini feriti e di quelli rimasti orfani.
L’Auser mette a disposizione il proprio conto corrente intestato ad: AUSER ONLUS - Banca Popolare Etica SCARL - IBAN: IT 89 L 05018 03200 000000105900 - causale: Terremoto Haiti
Il 12 Gennaio Haiti è stata colpita da un terremoto del 7.1 grado della scala Richter. Secondo le ultime stime governative le vittime sono circa 80,000; 200,000 i feriti e oltre 1,000,000 gli sfollati.
INTERSOS, a seguito di verifiche preliminari, ha identificato l’area di Leogane (a pochi dall’epicentro) come prioritaria per interventi di emergenza. La maggior parte delle azioni di risposta alla crisi umanitaria derivante dal sisma, si concentra ancora ad oggi nella capitale, dove presto si dovrebbero registrare i primi risultati, ma le aree periferiche, caratterizzate da una concentrazione di popolazione leggermente minore, dove si colloca Leogane, rimangono ancora scarsamente servite. Nella giornata del 22 Gennaio 2010 Intersos è intervenuta nella località denominata Haut-Mithon-Sigueneau, a pochi chilometri da Leogane, consegnando le prime tende familiari. Il villaggio costiero di Haut-Mithon è abitato da circa 250 persone, molte delle quali hanno riportato ferite e traumi in seguito al terremoto dello scorso 12 Gennaio, nonché la totale perdita delle proprie case. La maggior parte della popolazione, ad oggi circa il 70 per cento, per lo più donne e bambini, può contare nei ripari temporanei grazie al tempestivo intervento dell’Organizzazione. In pochi giorni si prevede di dare riparo all’intera popolazione locale, per poi concentrare gli interventi su altre comunità limitrofe, grazie al contributo messo a disposizione dall’AUSER.
Gli operatori di Intersos in loco hanno identificato questa zona come prioritaria per l'intervento perchè fortemente colpita, essendo a solo qualche chilometro dall'epicentro del sisma, e ancora non raggiunta dall'aiuto umanitario. Nonostante gli enormi sforzi in corso, gli aiuti infatti riescono a malapena a coprire le esigenze della capitale Port au Prince. Fuori, nelle cittadine minori e nei villaggi, quasi nulla è arrivato.



PROFESSIONI E OCCUPAZIONE NEL TERZO SETTORE. II CONFERENZA NAZIONALE
In occasione delle giornate conclusive dei Master Internazionali edizione Novembre 2008, ASVI e Leader2Leader promuovono la II Conferenza nazionale sui temi delle professione del lavoro nel settore centrata sul come favorire lo sviluppo occupazionale di qualità nel Terzo Settore in un momento di grave crisi generale come l'attuale. L'appuntamento è fissato a Roma per il 6 novembre a piazza Cavour3 presso la sede dell'Asvi. Si partirà da alcune domande chiave: Quali saranno le figure professionali più richieste nel terzo settore nei prossimi anni. Come sviluppare l'occupazione in Italia e in Europa e rispondere alla voglia di impegno della 'Generazione Y' Che parte avrà il Terzo settore per rilanciare lo sviluppo in Italia ed in Europa ?


TV A COMANDI VOCALI PER ANZIANI E NON VEDENTI
Un istituto britannico, il Royal National Institute of Blind People, lavorando al fianco di aziende hi-tech ha sviluppato una nuova tecnologia per ipovedenti, non vedenti, dislessici e anziani in tutto il mondo. Si tratta della "talking technology", tecnologia parlante, che consentirà a tutti di poter comunicare con gli elettrodomestici presenti in casa, primo fra tutti la televisione. Questa nuova tecnologia permetterà di convertire il testo scritto sullo schermo in audio, grazie al digitale terrestre e ad una particolare scheda vocale già compatibile con diversi televisori in commercio. In questo modo, spiegano gli inventori, sarà possibile avere una guida televisiva e menù vocali per permettere anche a chi ha problemi di vista di controllare facilmente la propria televisione, navigando attraverso i menù e le impostazioni del televisore. La tecnologia permette anche di impostare i parametri in base alle proprie esigenze: dalla selezione della lingua del parlato, fino alla velocità della voce guida. Gli inventori stanno lavorando affinché questa nuova tecnologia, non ancora disponibile, possa essere presto in commercio, ma soprattutto possa essere integrata negli apparecchi di prossima fabbricazione ed essere applicata anche ad altri dispositivi.


DECRETO SICUREZZA. FORTI PERPLESSITÀ DAL PRESIDENTE DI CSVNET
Anche Marco Granelli, il presidente di CSVnet - il Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato - ha espresso fin da subito perplessità sul disegno legge. "Si tratta in primo luogo - dichiara Granelli - di un problema di metodo: approvare un testo di legge così importante, attraverso il doppio ricorso alla fiducia è un grave errore perché impedisce un dibattito fondamentale tra le forze politiche e nega il confronto con le innumerevoli realtà sociali che già da tempo si preoccupano e lavorano duramente per farsi carico del problema"...


IMPEGNO CIVILE DEGLI ANZIANI: LA SFIDA PER RENDERSI UTILI - L’AUSER AVANZA LA SUA PROPOSTA
Assemblea Nazionale Auser
Gli anziani non ci stanno ad essere rottamati. Il recente caso del signore di Milano che, raggiunti i 70 anni, si è visto negare l’opportunità di fare il volontario sulle ambulanze, è emblematico.
L’uscita dal lavoro, dal circuito produttivo rende le persone del tutto invisibili sul versante della partecipazione allo sviluppo della società. Si diventa pensionati, si perde ruolo e importanza. Si comincia ad essere percepiti come un peso, un fardello. Ma gli anziani non ci stanno. L’Auser - in prima linea da 20 anni per promuovere una diversa idea della vecchiaia – lancia la sua sfida ed un pacchetto di proposte concrete per un “impegno civile degli anziani”.
Se ne parlerà a Roma il giorno 25 giugno...



TERREMOTO IN ABRUZZO: AUSER APRE LA RACCOLTA FONDI
La Presidenza Nazionale Auser ha disposto una raccolta fondi per la popolazione dell’Abruzzo colpita dal gravissimo terremoto del 6 aprile.
Possiamo donare tramite il conto corrente bancario presso la BANCA POPOLARE ETICA S.c.a.r.l. intestato ad Auser – IBAN IT 89 L 05018 03200 000000105900, specificando nella causale del versamento: “Terremoto Abruzzo”. Ogni contributo, anche modesto, è molto importante per chi ha perso tutto dopo il sisma. La Presidenza Nazionale fa inoltre appello alle strutture regionali e territoriali e alle associazioni affiliate per raccogliere rapidamente disponibilità di volontari - in particolare di coloro che sono dotati di competenze tecniche - e di materiali. Le adesioni e le forniture segnalate saranno da noi trasmesse tempestivamente alla Protezione Civile e alla CGIL, non appena da queste saranno individuate le priorità di intervento. Sono da evitare interventi non collegati ai soggetti abilitati ai soccorsi.



AUSER di Bergamo dal 2 al 9 agosto in Abruzzo
L’Auser gestisce a l’Aquila, in collaborazione con la protezione civile, uno dei 187 campi che ospitano gli sfollati. L’Auser Lombardia si è impegnata a collaborare, oltre che con la raccolta fondi per la ricostruzione, anche con l’invio di volontari che aiutino a gestire il campo. L'Auser provinciale di Bergamo invierà un gruppo di sei volontari dal 2 al 9 agosto. I volontari alloggeranno in due camper messi a loro disposizione, e aiuteranno nella gestione del campo, in particolare per lavori di “manovalanza generica”, aiuto nella cucina da campo, servizio ai tavoli, lavaggio stoviglie, gestione magazzino delle derrate alimentari, e via dicendo. Non sono richieste competenze particolari, salvo buona salute e buona volontà. Il campo dove opera l'AUSER.   Per altre info scrivici.


LA NOSTRA MANOVRA: 40 MILIARDI PER USCIRE DALLA CRISI
Il prossimo 1° dicembre, alle ore 11.00, presso la Sala della Pace della Provincia di Roma (in via IV Novembre 119/a), la campagna Sbilanciamoci presenta il suo Rapporto 2010 che contiene le proposte alternative alla finanziaria e agli altri decreti anti-crisi presentati nel 2009 per fronteggiare il difficile momento economico. In un rapporto di oltre 120 pagine la campagna Sbilanciamoci fa l'elenco di come trovare i soldi e di come spenderli in modo diverso per uscire dalla crisi con un nuovo modello di sviluppo, sostenibile e di qualità: dalla parte del lavoro, dell'ambiente, dei diritti, della pace. 40 miliardi da spendere in due anni per sostenere un'economia diversa, al servizio della società e delle perone, non degli speculatori e degli inquinatori. Il rapporto fa l'elenco di tutti i bluff di Tremonti e del governo (misure annunciate e mai realizzate o provvedimenti presentati come "determinanti" e poi rivelatisi assai modesti) e contiene lo specifico di tutte le proposte realizzabili, anche nel breve periodo, con provvedimenti e politiche concrete e immediatamente realizzabili. Saranno presenti alla conferenza stampa I rappresentanti delle associazioni della campagna, i parlamentari, sindacalisti ed esperti e ricercatori di spesa pubblica.


Foto progetto IRIS di AUSER Volontariato Bergamo
Ecco le foto dell'inaugurazione del progetto IRIS a cura di AUSER volontariato Bergamo e Istituto Agrario di Bergamo. Presto altre info.


TIME FOR RESPONSIBILITIES, IN PALESTINA PER LA PACE
Dal 10 al 17 ottobre si svolgerà la Settimana della Pace in Israele e Palestina. "Time for Responsibilities" è il nome dell'iniziativa: è tempo che l'Europa e gli Stati Uniti si assumano le proprie responsabilità, per aiutare i palestinesi e gli israeliani a liberarsi dalla morsa della guerra e dell'occupazione, della paura e della violenza. Luigi De Vittorio, Vicepresidente Nazionale di Auser, prenderà parte alla delegazione che partirà per Gerusalemme. Fra i tanti progetti di solidarietà rivolti al popolo palestinese, uno merita una menzione particolare. Verranno consegnati al Conservatorio di Ramallah, diversi strumenti musicali donati dalla Filarmonica di Carpi (MO), in collaborazione con il Comune, per la creazione di una banda musicale formata da ragazzi palestinesi. Anche la musica può essere uno strumento di pace.


Dall'eco del 5 marzo 2009: E i pensionati studiano il volontariato - A Pedrengo una delegazione di romeni a lezione dall'auser
BERGAMONDO,
Romeni a scuola di volontariato all'auser (Associazione per l'Autogestione dei servizi e la solidarietà) di Pedrengo. Una delegazione di dodici romeni over 55, in pensione, è arrivata in terra orobica per osservare e capire chi è e cosa svolge un volontario. La visita si inserisce nel progetto europeo «Think Future Volunteer Together» (Pensiamo al futuro, facciamo volontariato), volto alla promozione del coinvolgimento attivo degli anziani dell'Europa dell'Est nelle attività di volontariato. «Arrivati all'auser i romeni hanno preso nota di come ci siamo formati e di ciò che svolgiamo. Molto era lo stupore nel vedere che il nostro lavoro a sostegno di anziani e persone bisognose di aiuto è gratuito e volontario. La cultura del volontariato da loro non è diffusa. È un'esperienza che non hanno avuto a causa dei regimi politici del passato», ha spiegato Arturo Ravasio, tesoriere dell'auser di Pedrengo. La delegazione romena è stata ospitata a Bergamo da Ada, Anteas, auser e supportata da Csv (Centro servizi Bottega del volontariato) di Bergamo. Il progetto europeo, finanziato dalla Commissione europea, è promosso da Spes, associazione promozione e solidarietà del Centro di Servizio per il volontariato del Lazio, in collaborazione con Cev (Centro europeo del volontariato) e con i centri nazionali di volontariato dei Paesi dell'Europa dell'Est coinvolti, ovvero ProVobis per la Romania, C.A.R.D.O. per la Slovacchia, Slovenska Filantropia per la Slovenia, Önkèntes Központ Alapìtvàny per l'Ungheria. Oltre all'assessorato alle Politiche sociali del Comune di Roma sono partner anche le associazioni italiane Ada (Associazione per i diritti degli anziani), Anteas (Associazione nazionale terza età attiva per la solidarietà) e auser. I volontari romeni hanno trascorso un pomeriggio all'auser di Pedrengo con i volontari bergamaschi, che hanno mostrato loro alcune delle attività svolte grazie a convenzioni con il Comune di Pedrengo. La delegazione ha osservato come avviene il servizio di trasporto all'ospedale, rivolto ad anziani e persone con disabilità; come lavorano i nonni-vigili all'uscita delle scuole o in altri punti del paese; come si organizzano attività di aggregazione sociale, quale l'accompagnamento di persone anziane al centro «La sorgente», spazio di aggregazione per anziani. «Attraverso l'osservazione, il confronto e la pratica, i volontari romeni comprendono quanto l'anziano sia una risorsa. Il progetto europeo ha come obiettivo quello di diffondere e potenziare la cultura del volontariato e le sue attività nell'Est Europa», ha commentato Claudio Cremaschi, presidente auser provinciale.
D. M. 05/03/2009



Logo iniziativa
Venerdì 27 Inizia "pace è tutti i diritti umani per tutti" a Ponteranica
Venerdì 27 marzo • ore 21 presso l’Auditorium comunale
II Spettacolo teatrale “Una zolla di vita” compagnia teatrale Il Cerchio Magico.
Ciclo di iniziative promosse dal Comune di Ponteranica con le associazioni.

La locandina con tutto il programma



ANZIANI TERREMOTATI. LA VERA EMERGENZA INIZIA ORA. INCHIESTA DEL MENSILE LIBERETA' SULLE CONDIZIONI DI VITA NELLE TENDOPOLI.
La percentuale di persone con più di 65 anni che vive nelle tendopoli, arriva al 70%. Giovani e persone in età da lavoro hanno trovato sistemazione altrove. E' il dato più inquietante emerso dall'inchiesta sulle condizione di vita degli anziani nelle tendopoli delle zone terremotate, svolta dal mensile dello Spi-Cgil "liberetà" e presentata a Roma il 16 giugno in una conferenza stampa. "Siamo molto preoccupati - ha detto Carla Cantone segretaria generale dello Spi- il caldo di questi giorni sta aggravando la condizione fisica e psichica di centinaia di anziani." Le tendopoli si stanno trasformando in un enorme "cronicario" a cielo aperto, denuncia l'inchiesta della rivista. Gli anziani vivono in una condizione di profonda prostrazione, il terremoto si è portato via i ricordi del passato ed ha tolto loro ogni idea di futuro. Si chiudono , non si muovono più e non hanno più relazioni con gli altri. Senza contare che la vita stessa all'interno delle tende, con tutti i disagi che essa comporta, compresi quelli di carattere igienico, sta contribuendo a diffondere patologie anche gravi. "Occorre fare presto- ha detto Guglielmo Epifani segretario generale della Cgil alla conferenza stampa- la nostra è una denuncia civile, per sollecitare le autorità a rafforzare gli aiuti per le persone anziane." Intanto lo Spi-Cgil ha comunicato di aver raggiunto i 500.000 euro raccolti con la sottoscrizione nazionale e il 29 giugno all'Aquila si terrà un incontro con il sindaco e la presidente della provincia per definire su quali progetti ed urgenze far confluire i fondi raccolti.


ABRUZZO. AQUILA VIVA E SOLIDALE, CON IL PROGETTO AUSER
La solidarietà dell'auser e dei suoi volontari, è arrivata con successo nelle piccole frazioni colpite dal terremoto e abitate in prevalenza da persone anziane. La rete solidale del Filo d'Argento ha reso possibile avviare servizi di aiuto alla persona, centri di ascolto mobili, servizi di trasporto per visite e controlli medici, ma anche attività ricreative come la consegna di libri e video con il bibliobus in collaborazione con Arci. Dal 15 dicembre 2009 al 15 aprile 2010, ci sono state 536 richieste di persone con età media di 67 anni; sono stati effettuati 348 trasporti per terapie o dialisi; 90 trasporti per spesa. Attualmente operano a Barisciano 9 volontari e 10 sono impegnati presso la sedi di Coppito. Una vera e propria gara di solidarietà era scattata immediatamente dopo il sisma, pensando soprattutto ai cittadini più fragili. L'Auser si era immediatamente mobilitata con una raccolta fondi straordinaria. E' stato possibile acquistare alcune macchine adibite al trasporto sociale, ma soprattutto si è reso possibile sviluppare la rete solidale del Filo d'Argento.


ABITARE INSIEME A COMO SI PUO
(da auser informa marzo 2009) Da dieci anni l’Auser porta avanti un progetto che cerca di risolvere il problema dell’alloggio per gli studenti universitari fuori sede.

La città di Como è divenuta, da ormai qualche anno, un importante polo universitario grazie alla presenza sul territorio del Politecnico di Milano e dell’Università degli Studi dell’Insubria. Ciò comporta la presenza di numerosissimi studenti provenienti da altre città e addirittura, in molti casi, anche da altri Paesi. L’Auser di Como festeggerà proprio quest’anno i primi dieci anni di attività di un progetto che cerca di contrastare il problema degli alloggi per gli studenti, così detti, fuorisede, ovvero quelli che provengono da altre città e, per motivi di studio, si sono trasferiti. “Abitare Insieme”, questo il nome del progetto, vede la partecipazione, oltre che dell’Auser di Como che, a tutti gli effetti, è titolare del progetto, anche del Comune, dello Spi-Cgil, del Politecnico di Milano, dell’Università degli Studi dell’Insubria e dell’ISU (Istituto per il diritto allo Studio Universitario). Protagonisti assoluti del progetto sono gli anziani e gli studenti, ma in particolare, la loro coabitazione, in dieci anni oltre cinquanta anziani e ottantacinque studenti hanno partecipato all’iniziativa. Abbiamo cercato di capire meglio com’è nata e come si è sviluppata questa idea e per farlo c’è stata di grande aiuto la conversazione avuta con il presidente dell’Auser di Como, Carla Massina, la quale ha esaurientemente saziato la nostra curiosità. Come ci spiega il presidente, si tratta di un procedimento suddiviso in più tappe, infatti: “esistono due banche dati in cui sono inserite le richieste degli anziani, i quali forniscono la loro disponibilità alla convivenza, e un’altra in cui sono inserite le richieste degli studenti, i quali cercano un posto in cui abitare”. Inoltre, nonostante l’andare a vivere a casa di un anziano possa sembrare, apparentemente, un procedimento molto semplice, in realtà: “vengono svolti diversi colloqui tra i due futuri coinquilini e i nostri esperti, due volontarie e una psicologa. Il primo incontro è quello con la volontaria che si occupa di curare il progetto. In questa fase si cerca di conoscere gli interessati e si comincia ad entrare in contatto con loro, in più vengono spiegate le regole e si cercano di capire le varie esigenze. Il secondo colloquio si svolge con la psicologa per cercare di intuire il carattere e le abitudini. Il terzo passaggio prevede una sorta di sopralluogo della residenza per valutarne l’idoneità. Si decide poi quale potrebbe essere l’abbinamento migliore ed infine, studente ed anziano si fanno incontrare e, se sembra esserci feeling, si sottoscrive un accordo di convivenza.” È, infatti, importante sottolineare che non si tratta di un contratto di affitto, per questo motivo i ragazzi pagano all’anziano solamente una sorta di rimborso spese che varia dai 100 ai 150 euro mensili e, in più, l’anziano riceverà dal Comune altri 100 euro. Come unico cavillo legale, inoltre, gli ospitanti si trovano a dover affrontare solo la segnalazione in questura del nominativo dello studente, infatti qualsiasi tipo di problema dovesse sorgere in seguito interverrà l’Auser. Gli studenti sono, principalmente, stranieri come ci conferma il presidente: “soprattutto cinesi, europei, ma anche del centro e sud America. Il numero degli italiani è notevolmente diminuito negli ultimi anni. È sorto quindi il problema della lingua, perché gli anziani raramente parlano l’inglese, ma nonostante ciò soprattutto i cinesi sono particolarmente ambiti vista la loro cortesia e gentilezza.” Per quanto riguarda l’identikit dell’anziano invece: “si tratta di persone sole, nell’80% dei casi donne, con una cultura medio-alta, con problemi di solitudine perché magari hanno i figli che abitano lontano. Inizialmente l’età media dell’anziano ospitante variava fra i 70-75 anni, negli ultimi anni è scesa a 65-70 anni. Purtroppo questa esperienza non si lega a grandi numeri, perché l’abitazione dell’anziano deve essere a Como e non in provincia, o comunque nei pressi dell’Università perché i mezzi di trasporto non offrono un ottimo servizio e i ragazzi non intendono impiegare un’ora per recarsi, quotidianamente, nella Facoltà di appartenza. È un progetto che ha moltissimi punti di forza anche se su pochi numeri perché è basato sulle relazioni interpersonali, è infatti una convivenza quotidiana a tutti gli effetti. Il numero delle coabitazioni sono comunque aumentati col passar del tempo, dalle ventisei del 2002 si è progressivamente giunti alle centotredici del 2008.” È interessante notare che non ci sono limiti di tempo prestabiliti, infatti: “si possono accordare loro stessi sul periodo di convivenza. Inizialmente era fissato per un solo anno, ma poi, quando la convivenza andava bene e otteneva dei buoni risultati, l’anziano si affezionava ed era poco propenso a cambiare coinquilino.” È bene ricordare che, nonostante l’Auser di Como sia tra i primi ad aver creduto in un’iniziativa così impegnativa e complessa da gestire, ci sono anche altre associazioni che hanno puntato su un progetto simile, come ad esempio MeglioMilano che, per il suo progetto “Prendi in casa uno studente”, può contare sull’appoggio della Provincia oppure la Provincia di Parma, che ha il sostegno della Regione per il progetto “Due generazioni, un solo tetto”. Daniela Silva



UN AIUTO PER IL CILE
Auser, Progetto Sviluppo e Nexus, invitano ad un impegno di solidarietà per venire incontro ai bisogni della popolazione cilena colpita dal terribile terremoto del 27 febbraio. La situazione nel paese è ancora gravissima: ampie aree sono ancora tagliate fuori dalle comunicazioni, da luce ed acqua e ricevono aiuti solo con i camion della protezione civile e del volontariato. Tra le zone più colpite ci sono quelle in cui Nexus e Progetto Sviluppo lavorano da anni, come la regione del Bío Bío. In questi luoghi le nostre organizzazioni operano in contesti rurali, molto impoveriti a cui il terremoto ha portato via tutto. Soprattutto la Costa a sud di Concepción, nei comuni di Arauco, Lebu, Cañete ha subito ingentissimi danni a causa del maremoto che ha spazzato via intere comunità e piccole flotte di pescatori artigianali. "Conoscendo bene la realtà locale di forte vulnerabilità sociale ed economica, - si legge nelll'appello delle tre associazioni - sappiamo che il tema del lavoro sarà prioritario, così quello della costruzione di un reddito familiare per le zone agricole e della costa e non da ultima la tutela delle minoranze etniche e dei diritti fondamentali della persona."
Per informazioni: Nexus Emilia Romagna Tel. 051/294743
Mail: sabina_breveglieri@er.cgil.it www.nexusemiliaromagna.org
Per donazioni su conto corrente Auser: Auser onlus presso Banca Popolare Etica Scarl IBAN: IT 89 L05018 03200000000105900.



Presentazione progetto l.22 LUOGHI DELLA COMUNITA'
La provincia di Bergamo ha approvato recentemente le graduatorie dei progetti del bando "volontariato". Presentiamo il progetto "Luoghi della comunità" che verrà realizzato a Treviglio.
L’Associazione Auser si prefigge con questo progetto di aprire i propri spazi non solo fisici ma organizzativi ai cittadini di culture diverse tra cui anche cittadini immigrati residenti nel territorio, valutando la possibilità di favorire le condizioni per uno scambio autentico tra le persone portatrici delle memorie della città ed i nuovi arrivati, considerando questa un’esperienza ricca dal punto di vista culturale ed anche etico.

La sintesi con il contesto, le finalità e gli obiettivi generali del progetto.



UNA VOLONTARIA DELL'AUSER IN SAHARAWI: IL RACCONTO DI GIOVANNA LIPPI
"Sono ripartita umilmente, rimettendomi in gioco e soprattutto rimettendo in gioco l'esperienza di una vita intera di lavoro, adeguandola a nuovi tempi e nuovi luoghi.". Con queste parole Giovanna Lippi descrive la sua esperienza di volontariato, con Auser Emilia Romagna e Nexus CGIL, in un Centro di Formazione Professionale a Rabuoni in Saharawi. In un articolo denso di emozioni Giovanna ci racconta di un'avventura che, all'età di 71 anni, le ha cambiato la vita. L'articolo per intero si può leggere su http://www.auseremiliaromagna.it/files/articolo-giovanna-lippi.pdf


"Non più soli: Associazioni in Rete" 10 marzo 2011 ore 20.30
Incontro finalizzato all'approfondimento della tematica dell'amministrazione di sostegno a cui vi invitiamo a partecipare.
presso lo Spazio Polaresco del Comune di Bergamo.
L'incontro è rivolo a tutte le associazioni di volontariato e in particolare ai volontari, ai soci, ai familiari e a tutti coloro che possono essere interessati ad approfondire le potenzialità di questo strumento giuridico.
L'ingresso è libero.



HAITI. RICOSTRUITO IL SANATORIO DI SIGUENAU, ANCHE GRAZIE ALLA SOLIDARIETA' DI AUSER
Grazie alla solidarietà delle strutture Auser di tutta Italia, sono stati raccolti 20.000 euro per la ricostruzione del Sanatorio di Siguenau ad Haiti, che verrà presto inaugurato. Nei giorni immediatamente successivi al terremoto anche l'Auser aveva mobilitato tutte le proprie strutture per raccogliere fondi a sostegno della popolazione duramente colpita. In partenariato con Intersos si è concorso a fornire ai terremotati cibo, rifugi, tende, acqua, servizi igienici, assistenza sanitaria e protezione. Dopo questa prima fase di emergenza Auser ha scelto di sostenere il progetto presentato da Intersos per la ricostruzione del sanatorio di Siguenau nell'area di Legane. La mappa del sanatorio e dettagli sul progetto sono pubblicati sul portale dell'Auser www.auser.it nella sezione Solidarietà internazionale.


In Marcia da Bergamo... “per la Pace e la Fratellanza dei POPOLI”
La Tavola della Pace di Bergamo, il Coordinamento Provinciale Enti Locali per la Pace, CGIL e CISL Bergamo organizzano il servizio pullman per la partecipazione alla Marcia:
PARTENZA alle ore 0,30 del 25 settembre - piazzale Malpensata Bergamo–
RIENTRO nella serata del 25 settembre
Grazie al contributo del Coordinamento Provinciale Enti Locali per la Pace, di
CGIL e CISL Bergamo la quota di partecipazione è così definita:
Iscritti CGIL/CISL e Studenti: euro 20,00 - Non iscritti: euro 25,00
Altre info importanti per partecipare.



EMERGENZA SICCITA’ NEL CORNO D’AFRICA. AUSER ADERISCE ALL’APPELLO DI AGIRE
Più di 10 milioni di persone stanno soffrendo le conseguenze della più grave siccità degli ultimi 60 anni nel Corno d’Africa. La siccità seguita, in alcune aree, da forti piogge, sta provocando una gravissima catastrofe umanitaria. Una delle conseguenze immediate è la scarsità di acqua e cibo. Il bestiame sta morendo e seminato è stato distrutto dalle intemperie. Il prezzo degli alimenti di base, come il riso ed il mais, ha raggiunto livelli record (in Somalia ad esempio il costo del sorgo è salito del 240 % rispetto allo scorso anno).
L’Auser nazionale, da sempre sensibile verso le sofferenze dei popoli - siano esse causate dalla natura o provocate dalle guerre e dalla lesione dei diritti umani - ha aderito all’appello di raccolta fondi lanciato dal Consorzio di Ong AGIRE del quale Auser è stata partner negli interventi di solidarietà ad Haiti.
Le somme raccolte andranno versate sul conto: c/c bancario intestato : AUSER ONLUS,
presso Banca Popolare Etica SCARL - IBAN : IT 89 L 0501803200 000000105900
Causale : Siccità Corno d’Africa



ADOTTA UN NONNO. L’AUSER AURORA COSTRUISCE UN “PONTE” TRA GENERAZIONI
In questa nostra società contemporanea, dove prevale l’individualismo, gli anziani e i disabili sono i grandi “dimenticati” in quanto esclusi dall’attuale modello narcisistico. Per venire incontro a questi bisogni, nella ricorrenza dei suoi 15 anni d’attività l’associazione Auser Aurora onlus di Alzano-Nese (BG), con la collaborazione dell’Istituto Comprensivo di Alzano Lombardo, invita tutti i ragazzi della seconda e terza media a partecipare all’iniziativa “Adotta un nonno”.
Per informazioni e per l’iscrizione, che si chiuderà il 14 gennaio 2012, è possibile rivolgersi alla scuola media pubblica frequentata dal giovane oppure alla sede dell’Auser-Aurora Tel./Fax 035.511.499 email auseraurora@tiscali.it



Nasce il portale del progetto Ads
Il sito del progetto Ads regionale cambia veste e si trasforma in un portale per rappresentare meglio il "pensarsi e fare insieme" dei progetti Ads locali. Importanti le novità: l'accesso diretto ai siti dei progetti, la sezione "un progetto Ads di presenta" e l' "area ricerca".
Sono 15 i progetti Ads attivi da più di un anno sui territori lombardi: nel loro insieme rappresentano e sono rappresentati da 303 realtà associative. Molte le iniziative realizzate: oltre 100 gi eventi di sensibilizzazione locale, 35 i percorsi formativi, 5 i convegni di approfondimento e richiamo, 33 gli sportelli aperti.
Il maggiore strumento di comunicazione del progetto, il sito regionale www.progettoads.net sente ora l'esigenza di tenere e dar conto di questo "pensarsi e fare insieme", di rappresentare maggiormente e contestualmente da un lato questo agire e pensare comune e dall'altro i singoli pensieri ed azioni dei progetti locali. sfumature di un colore e non tinte a sé.
per informazioni: info@progettoads.net



Il Forum Nazionale del Terzo Settore presenta il Giornale Radio Sociale, striscia informativa di tre minuti
www.giornaleradiosociale.it
Una web radio e un sito di informazione sociale semplice e facilmente accessibile a tutti: l’edizione quotidiana del GRS è disponibile dalle ore 15 con notizie, aggiornamenti e voci in presa diretta dall’associazionismo e dal volontariato. Interviste, punti di vista sui fatti d’attualità, news: questi sono gli ingredienti che verranno proposti ogni giorno (dal lunedi al venerdi) in versione audio e versione scritta (sotto forma di agenzia stampa).
Il GRS, nelle edizioni ordinarie, è impaginato attraverso sei notizie: società, diritti, economia, internazionale, cultura e sport. Sul sito www.giornaleradiosociale.it è possibile trovare l’archivio dei podcast e delle notizie secondo un doppio indice, tematico e cronologico. Inoltre è possibile scaricare il banner del GRS per le associazioni e le testate che vorranno ospitarlo: con un rapido “clic” sarà possibile rintracciarlo in decine e decine di siti internet.



23 febbraio 2013 - Un convegno per parlare di protezione giuridica e amministrazione di sostegno23 febbraio 2013 - Un convegno per parlare di protezione giuridica e amministrazione di sostegno
"Liberi Legami", il progetto Ads di Bergamo, in collaborazione con Provincia, CSV e ASL organizzano il 23 febbraio a Bergamo un convegno per fare il punto sul lavoro svolto e proseguire il dialogo avviato tra tutti i soggetti che in questi anno hanno contribuito allo sviluppo del sistema di protezione giuridica nella provincia di Bergamo.
Locandina del convegno

Continua
15 Febbraio 2013


ciclone
L’AUSER SI MOBILITA PER LA POPOLAZIONE DELLE FILIPPINE DEVASTATE DAL CICLONE HAIYAN
Haiyan, il ciclone più potente dell’anno, classificato categoria 5, ha devastato le Filippine sconvolgendo i due terzi del paese. Si calcola che almeno 4 milioni di persone siano state colpite, 10.000 i morti fino a questo momento accertati, centinaia di migliaia hanno perso tutto e si trovano senza cibo e senza medicinali. La provincia più colpita risulta essere quella di Leyte, in particolare il capoluogo Tacloban, dove quasi tutti gli edifici non esistono più. Distrutta la rete stradale, non c’è acqua, non c’è elettricità, non c’è cibo. I dispersi sono migliaia.
La rete Agire - Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze - di cui fa parte Intersos, insieme ad altre importanti organizzazioni si è subito mobilitata in una grande campagna di raccolta fondi per fornire i primissimi aiuti, cibo e medicinali.
Auser intende partecipare a questa gara di solidarietà per la prima emergenza, avviando da subito una raccolta fondi e chiamando alla mobilitazione tutta la sua rete associativa.
Le risorse raccolte vanno versate sul conto corrente Bancario intestato a:
"Auser" Presso: Banca Popolare Etica Scarl
IBAN IT 89 L 05018 03200 000000105900
indicando come causale “Ciclone Filippine”.



logo
una proposta ricevuta: giocabosco per tutti! In autunno
Ottima proposta per l'autunno. I disabili hanno un prezzo scontato!
il loro sito (utile anche per i contatti)



SOLIDARIETA’ DELL’AUSER ALLA POPOLAZIONE DELLA SARDEGNA SCONVOLTA DALL’ALLUVIONE. AL VIA LA RACCOLTA FONDI
L’associazione Auser, attraverso tutte le sue strutture, ha deciso di mobilitarsi per sostenere la popolazione sarda e la rete Auser presente in quei territori. E’ stata lanciata una raccolta di fondi in favore della Sardegna, come avvenuto in precedenti occasioni quali il terremoto dell’Abruzzo e dell’Emilia Romagna.
I fondi raccolti vanno versati sul conto corrente bancario intestato a:
"Auser" presso Banca Popolare Etica ScarlIBAN IT 89 L 05018 03200 000000105900
Indicando come causale ALLUVIONE SARDEGNA.



L’ESTATE DELLA SOLIDARIETA’ IL PIANO DELL’AUSER PER FAR SENTIRE GLI ANZIANI MENO SOLI
Aiuto a domicilio, compagnia, consegna spesa e pasti.
“Abbiamo bisogno di volontari!” l’appello del presidente Costa ai giovani e ai pensionati.

L’Auser è impegnata a tutto campo anche quest’anno per aiutare gli anziani, soprattutto quelli che vivono da soli, ad affrontare con serenità i disagi legati all’estate. Protagonista è il servizio di Telefonia Sociale e aiuto alla persona Filo d’Argento, dotato di un Numero Verde Nazionale gratuito 800-995988, attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20.
Sul sito www.auser.it è attiva la sezione speciale “Emergenza Estate” nella quale trovare tutte le notizie utili per aiutare gli anziani e le loro famiglie ad affrontare con serenità il periodo estivo.
Abbiamo bisogno di volontari!



Sei Sportelli AdS nell’Ambito di Treviglio
Per info: Risorsa Sociale Gera d'Adda Rosangela Taverna 0363/3112101
e.mail: segreteria@risorsasociale.it

Locandina con sedi, orari e referenti dei diversi Sportelli



foto
ALLUVIONE GENOVA, AL VIA LA RACCOLTA FONDI DI AUSER
L’Auser si mobilita a sostegno delle popolazioni colpite dall’alluvione a Genova, che oltre ai lutti ha lasciato ingentissimi danni.
L’Auser nazionale ha deciso di organizzare la raccolta di fondi in favore delle popolazioni colpite e della rete Auser presente in quei territori, ... Chi voglia donare può farlo versandole sul conto corrente bancario intestato a: "Auser Solidarietà Eventi" presso Monte dei Paschi di Siena - Ag. n.1, via Po, 94 - 00198 Roma
IBAN IT 24 S 01030 03201 000002233115 Indicando come causale “GENOVA da Auser …..…



fronte
ABITO, il volantino
Il volantino dell'attività ABITO!
l'articolo di Bergamonews
l'articolo dell'Eco
L'articolo del Corriere

frone e retro del volantino



Buone Notizie n° 78 di Dicembre 2014
Trovate il Piano delle Attività 2015 di CSV Bergamo e l'editoriale del Direttore Antonio Porretta. A partire da questa uscita Buone Notizie non verrà più spedito in formato cartaceo, ma diverrà periodico telematico.
scarica il file in formato PDF



Appello per mobilitazione del 20 giugno 2015
l’Auser, insieme a molte associazioni e organizzazioni sociali, ha lanciato un Appello per chiedere all’Unione Europea una maggiore assunzione di responsabilità umanitaria nell’area del Mediterraneo. Nel mese di giugno, i promotori dell’Appello organizzeranno a livello locale iniziative finalizzate ad accrescere l’attenzione della popolazione e dei decisori politici sui conflitti irrisolti che si combattono sulle sponde del Mediterraneo e sulla continua violazione dei diritti umani dei profughi.
Il testo dell'appello



Articolo eco, 4-2-2015 abito
Il testo dell'articolo   
il file in formato PDF



Articolo Corriere 4-2-2015 Abito
l'Articolo sull'attività Abito del progetto Attivazioni
il file in formato PDF



Articolo su Abito!
L'articolo uscito sabato 21 marzo
Tutto il testo dell'articolo in formato PDF



segni
Andare oltre le barriere. Sabato 3 ottobre sul Sentierone
Sabato 3 ottobre alle 16.00 sul Sentierone il Comitato provinciale per l’abolizione delle barriere architettoniche e il Festival “In necessità virtù, in collaborazione con l’associazione Praesidium Parkour Project, scendono in campo per la Giornata nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche.


auto
Benedizione nuovo automezzo e giornalino Auser Pedrengo
L’AUSER di PEDRENGO ha il piacere di informarti è stato possibile dotare l’Associazione di un nuovo mezzo di trasporto per l’accompagnamento delle persone in difficoltà socio-assistenziale. La presentazione, con benedizione dell’automezzo, avverrà nel piazzale della chiesa il giorno 29 Agosto 2015 alle h. 10.
il file del giornalino in formato PDF



CONVEGNO DAL PROGETTO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO AL PROGETTO DI VITA 27 NOVEMBRE 2015 ore 14,00
COMUNE DI BERGAMO – PROVINCIA DI BERGAMO – ASL DI BERGAMO - AMBITI TERRITORIALI - CONSIGLIO DI RAPPRESENTANZA DEI SINDACI – UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BERGAMO - UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI BERGAMO – AZIENDA OSPEDALIERA “PAPA GIOVANNI XXIII°” - COOPERATIVE SOCIALI – FORUM ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SOCIO SANITARIO BERGAMASCHE AUDITORIUM - Casa del Giovane, Via Gavazzeni n°13 - Bergamo
Il volantino con tutte le informazioni!



fotografia
Aiutaci ad aiutare chi è solo
Anche Auser promuove la raccolta fondi per inserire e formare persone in temporanea difficoltà lavorativa da affiancare ai Custodi Sociali che già operano nei quartieri di Bergamo. Guarda il video e dona anche tu  #filisociali #ComunediBergamo #welfare


Amatrice
Raccolta fondi pro popolazioni colpite dal terremoto. DISTRUTTE SEDI AUSER DI ARQUATO E PESCARA DEL TRONTO
Il Presidente provinciale Auser Bergamo propone a tutte le associazioni affiliate e a chiunque voglia contribuire una raccolta fondi a favore delle popolazioni colpite dal terremoto. Auser Bergamo ripropone lo stesso meccanismo della raccolta fondi a favore delle popolazioni liguri alluvionate. Auser Bergamo Raccoglie fondi sul conto corrente 74415 IBAN IT 44 V054 2811 1050 0000 0074 415 Banca POPOLARE di Bergamo Agenzia di Redona SPECIFICANDO la causale “pro terremoto”. Sarà nostra cura tenere tutti informati anche attraverso questo sito web.


Siria
APPELLO PER LA SIRIA
Dopo cinque anni di guerra, con un bilancio spaventoso in termini di vite umane, di profughi e di distruzioni, con bombardamenti che hanno preso di mira perfino gli ospedali, il conflitto siriano è ancora ben lontano da una soluzione. Non possiamo più tacere. Già il fatto che la comunità internazionale abbia assistito per anni impotente a questo massacro interpella le nostre coscienze. La Tavola della pace-Rete della Pace di Bergamo, Il Comune di Bergamo, la Provincia di Bergamo, il Coordinamento Provinciale degli Enti locali per la Pace, sull’onda del recente Forum Med 2016 che si è tenuto a Roma, promosso da Farnesina e ISPI, chiede al Ministro per gli Affari Esteri Angelino Alfano e all’Alto rappresentante della UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini, di fare pressione sulle Istituzioni e nelle sedi più opportune, utilizzando tutti i canali diplomatici e sostenendo in particolare il tentativo dell’inviato speciale dell’ONU per la Siria Staffan de Mistura, per un cessate il fuoco, per l’evacuazione dei feriti, l’ingresso degli aiuti alla popolazione e il potenziamento dei canali umanitari. Sostiene altresì la necessità e l’urgenza di colloqui tra tutti gli attori coinvolti per una soluzione politica della crisi siriana. Anche alla luce dell’accordo “Consiglio europeo- Turchia”, sottolinea il legame tra il caso Siria e il tema dell’accoglienza dei profughi. ... VENERDI’ 23 DICEMBRE ALLE ORE 17.30 PRESSO IL COMUNE DI BERGAMO.... TAVOLA DELLA PACE – RETE PER LA PACE DI BERGAMO (AMANDLA, ACLI, ARCI, AUSER, COMUNITA’ RUHA, CGIL, CISL, DONNE IN NERO, FONDAZIONE SERUGHETTI LA PORTA, GOCCE PER L’AFRICA, MANI AMICHE, PROTEO, IL SEME, UPF), COMUNE DI BERGAMO, PROVINCIA DI BERGAMO, COORDINAMENTO PROVINCIALE BERGAMASCO ENTI LOCALI PER LA PACE E I DIRITTI UMANI, FORUM PROVINCIALE PER L’ACCOGLIENZA, CGIL, CISL, UIL, LIBERA BERGAMO.
Tutto l'appello in PDF



foto
da Auser Zogno: Stiamo raccogliendo biciclette
Stiamo raccogliendo biciclette, anche rotte o in disuso, e insieme ad alcuni ragazzi profughi,ospitati nel comune di Sedrina, cerchiamo di ripararle e ricaverne alcune funzionanti. Il nostro obbiettivo è quello di riuscire a dotare di una bici il maggior numero di questi ragazzi, per favorire i loro spostamenti, senza ricorrerere ad autobus. Con questi ragazzi stiamo portando avanti un progetto di riqualificazione urbana nel paese in cui sono ospitati, ottenendo ottimi risultati.
tutte le foto!!!!!!!!!



logo
Le attività di Abitare le età onlus
Sul loro sito !!!!



Credits