CERCA NEL SITO
Loading
FEBBRAIO 2020
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29

CON SPI LOMBARDIA PER DENUNCIARE I DANNI SOCIALI DEGLI STEREOTIPI

Fare rete con le Associazioni che sul territorio operano a favore delle donne è un obiettivo prioritario del Coordinamento Donne Spi Lombardia e il convegno “Il danno sociale degli stereotipi”, svoltosi a Milano il 10 novembre, è stato una eccellente occasione di incontro. “Il convegno si colloca nell’ambito delle iniziative del Coordinamento Donne Spi in occasione della ricorrenza del 25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – spiega Carolina Perfetti, componente della Segreteria Spi Lombardia e Responsabile del Coordinamento Donne - . L’obiettivo da cui siamo partite per organizzare questo convegno è stato quello di offrire a tutte le donne dello Spi CGIL Lombardia l’opportunità di condividere un momento di approfondimento interdisciplinare su un tema di grande impatto sociale, quale l’incidenza dannosa degli stereotipi sulla nostra vita collettiva, con specifico riferimento alle gravi ripercussioni sociali derivanti dagli stereotipi di genere. Hanno accolto il nostro invito le rappresentanti di Associazioni di volontariato che sono in prima linea ogni giorno accanto alle donne vittime di varie forme di violenza”. I relatori del convegno hanno colto l’occasione per approfondire lo studio delle cause recondite di tanti maltrattamenti nei confronti delle donne, quegli stereotipi che solo apparentemente sono lontani dalle conseguenze che generano. “Battaglie culturali di questa entità – prosegue Carolina Perfetti - non possono certamente essere sostenute da singole coraggiose idealiste, la via del cambiamento può essere individuata solo nell’ambito delle aggregazioni sociali che abbiano consistenza numerica e capillarità nella distribuzione sul territorio, ma anche forza aggregante su obiettivi comuni e capacità di compiere lucide analisi dei problemi sociali da affrontare”. 


Credits