CERCA NEL SITO
Loading
NOVEMBRE 2021
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Online il bilancio sociale 2020 di Auser Lombardia!

Un’organizzazione capillare – ben 430 sedi - su tutto il territorio lombardo e, in piena pandemia, 6.189 volontari e volontarie che ogni giorno si prendono cura delle persone anziane o fragili delle nostre città e che promuovono l’invecchiamento attivo: il primo punto di forza di Auser in Lombardia sta nella vicinanza, in ogni accezione di questa parola.


Il 2020, anno in cui sono stati raccolti i dati presentati nel Bilancio Sociale (CLICCA QUI!), è stato particolare per il Covid19, con cui tuttora conviviamo. Nonostante sia stato necessario chiudere per molti mesi tutti i centri sociali e annullare sia le gite che le serate danzanti, Auser ha mantenuto un alto numero di iscritti (64.390, di cui 38.634 donne) e ha erogato 269.792 servizi di volontariato alla persona (principalmente accompagnamenti protetti, supporto nel disbrigo pratiche, consegna della spesa o di medicinali, consegna di pasti a domicilio, aiuto alle RSA, chiamate audio o in videotelefonia per contrastare la solitudine e monitorare con delicatezza varie situazioni). Impressionante il numero di chilometri, 3.272.075, percorsi dai volontari durante i vari servizi.



79.621 ore sono state impiegate nel volontariato civico, dalla vigilanza davanti alle scuole al pedibus, dalla cura di aree verdi alla cura di luoghi deputati alla cultura, dagli orti sociali alla collaborazione nelle piattaforme ecologiche.



L’apprendimento permanente nel 2020 ha per forza di cose subìto un ridimensionamento, a causa della chiusura dei centri sociali e delle 30 università popolari lombarde per il Covid-19, e allo stesso tempo ha fatto un balzo in avanti grazie alla tecnologia: molte sedi Auser si sono rapidamente attrezzate per mantenere online i contatti con la maggior parte possibile delle persone e per continuare i programmi didattici, che hanno coinvolto complessivamente 10.534 partecipanti.



Turismo sociale e attività legate al benessere psicofisico (ginnastica dolce, passeggiate, trekking…) hanno potuto riprendere un poco nei mesi estivi del 2020 e hanno comunque fatto registrare 64.443 partecipanti.



Interessante notare che Auser ha un gruppo di coordinamento specifico sia per le attività di lifelong learning (rete Auser Cultura), sia per il turismo sociale.



L’impegno di Auser tocca anche le persone migranti: 20 sedi lombarde (tra cui Auser “L’Orizzonte” di Olgiate Olona, che ha una vocazione specifica relativa al sostegno dei migranti), con 124 volontari, si sono dedicate nel 2020 all’inclusione di 2.134 persone tramite l’insegnamento della lingua italiana, i laboratori di cucito creativo abilitanti alla professione sartoriale, la fiducia creata tra i “nonni di comunità” Auser e tante famiglie con bimbi da zero a sei anni a rischio di povertà educativa.



Proprio nell’anno della pandemia la comunicazione di Auser in Lombardia ha avuto un’accelerata decisiva: l’associazione ha potenziato il sito www.auser.lombardia.it e ha fatto crescere con costanza i social (facebook e Instagram), oltre a farsi conoscere anche da una nuova parte di pubblico attraverso i numerosi webinar organizzati sulla piattaforma Zoom.



Straordinari l’incremento e la qualità del contributo arrivato ad Auser dai giovani, con punte di eccellenza che hanno ricevuto anche riconoscimenti a livello nazionale. Sempre ottimo il rapporto con i ragazzi che prestano Servizio Civile e con gli studenti delle scuole superiori che scelgono Auser per l’esperienza di alternanza scuola-lavoro.



Auser Lombardia ha rapporti sempre più proficui con le università (nel 2020 Università degli Studi di Milano Bicocca, Politecnico di Milano, Università di Tokyo, Università Cattolica di Milano, Università Bocconi, Università di Pavia, Università per Stranieri d Siena, Politecnico di Milano, Università Degli Studi Roma Tre) e gli enti di ricerca (Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta, Secondo Welfare) e ha riproposto con successo il “Premio di Laurea Sergio Veneziani”. Grazie al progetto “Tapas In Aging” e alla partnership con l’Istituto Besta, Auser è stata notata dall’OMS e inserita (17 dicembre 2020) tra le buone pratiche a livello mondiale per il raggiungimento degli obiettivi per il Decennio dell’Invecchiamento in Salute 2020-2030.



La tutela dell’ambiente è un obiettivo primario anche per il futuro: Auser è proiettata verso la mobilità sostenibile e sta progressivamente adottando un parco macchine con modelli a basso consumo e con auto ibride o elettriche. Sono stati presentati progetti “verdi” per favorire sperimentazioni di coltivazioni a basso impatto e con forte attenzione alla biodiversità. A proposito degli stili di vita, Auser in Lombardia promuove i Gruppi di Acquisto Solidale (GAS).



Auser c’è!


Credits