PAVIA
MAGGIO 2020
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

LASCITI TESTAMENTARI

lascito
Lascito testamentario ad Auser
Con un lascito testamentario a Auser ci aiuterai ad aiutare gli anziani ad affrontare meglio e in autonomia la loro vita quotidiana, assicurando loro un sostegno alla loro mobilità verso cliniche e ospedali attraverso il trasporto sociale, offrendo loro compagnia e socialità.
Anziani che vivono soli, spesso in aree isolate e che hanno bisogno di supporto.
Per te sarà come dare la mano a ognuno di loro e affiancarlo, giorno dopo giorno, nella sua quotidianità.

Dal momento in cui sceglierai di aiutarci indicando Auser nel tuo testamento, sarai aggiornato sui progetti che stiamo portando avanti, potrai partecipare ai nostri eventi sul tuo territorio, ti informeremo su quanto stiamo facendo per aiutare chi ha bisogno.
Aiutaci ad aiutare, per sempre.


COME FARE
E’ possibile ricordare le persone che più ami nel testamento e nel contempo fare un dono ad Auser.
Che sia grande o piccolo, il tuo lascito potrà dare conforto agli anziani più vulnerabili e permetterà loro di ricevere accompagnamento, compagnia e assistenza.

È possibile destinare una somma di denaro, un bene mobile, immobile, una polizza vita o l'intero patrimonio.
Le forme di testamento previste dall’ordinamento italiano sono tre:
Testamento olografo, consistente in un semplice foglio di carta scritto a mano dal testatore (con penna) e da lui stesso datato e sottoscritto.
Testamento pubblico, laddove il testatore detta le sue volontà ad un notaio in presenza di due testimoni. Il testamento riporta l’indicazione del luogo e della data e viene firmato dal notaio, dal testatore e dai testimoni.
Testamento segreto, è un atto redatto dal testatore e consegnato in busta chiusa sigillata ad un notaio – generalmente a titolo gratuito - in presenza di due testimoni. E’ quindi detto “segreto” perché il suo contenuto non è noto al notaio, che si limiterà solo a prendere atto della consegna.



Credits